Sesto giorno al mare

girati

“Spisa al cul, tempo mul”, pare dicano i veneti, e infatti stamattina, pur arrivando una vivida luce dalla serranda, mi sentivo, come dire, “infastidita” lá dove non batte il sole.

Bella la serranda cosí, ispirava mare, sole, giochi in spiaggia, vento tra i capelli e gelato al volo.

No, non volevo tirarla su nonostante sapessi che le previsioni fossero tutto il contrario di quello per cui io ambivo: una perfetta giornata di sole.

E invece, gnec gneeec gneeeec, quel rumore stridulo da porta di film dell’orrore che non proveniva altro che dalla mia tapparella databile alla nascita del popolo piceno, mi confermava ( sigh e sob) le maledette previsioni.

E mo che faccio?

Erano le 7.20, penso quindi di riposarmi ancora un attimo tanto la colazione la servono, bada ben bada ben bada ben, fino alle 9.30.

Quell’attimo è durato quasi due ore, i piccoli si stavano svegliando in quel…

View original post 246 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...