Giochi…

La ragazza che pedala

…ne aveva paura eppure lui la sapeva guardare come nessun altro.
 La trovava bella e glielo diceva. 
Lui possedeva. 
Lui ordinava.
 Lui pretendeva.
 Brividi. Paura. 
La folle paura di una sofferenza non voluta.
“Lui non potrebbe mai farmi del male”
questo era quello che pensava lei.
 Ma non era esattamente così.
 Sottomissione.
 Sapeva amarla ma alla sua maniera. 
Mani legate. E divieti. Non toccare. 
Non baciare.
 Obblighi. Regole. 
Piegata. In ginocchio. 
Silenzio. Buio. Candele. Incensi.
 Lui è dietro di lei.
“Hai paura di me?”
 E lei non può mentire.
 Ingoia saliva e pronuncia un solo e timido “sì”.
 La penetra. Lentamente. 
Cuore che batte e una lacrima scende.
 Ma se lei è lì sa benissimo cosa può succedere.
 Può essere “il tutto” oppure “il niente”.
 Chiude gli occhi e si lascia andare.
 L’eccitazione sale. 
Il respiro cambia.
 “Ti prego scopami!”
 Lui la prende per i fianchi e affonda.
 Adesso sa che lei sarà…

View original post 2 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...