Sesto giorno al mare – la scossa

girati

Che poi tu sei lì a cena che pensi a cosa scrivere sul blog la mattina successiva coi capelli scompigliati da un forte Libeccio in terrazza e la tavola mezza annacquata dai due, come al solito.

Sei indecisa se ricitare le tue punture di animale sulle chiappe che oramai sembrano essersi trasformate nelle sette stelle di Hokuto, o nell’avventura odierna col solito farmacista che ha fatto finta di non conoscermi per ripetermi tutte le raccomandazioni sullo stafilococco. (E mi raccomando il Napisan).

Vorresti raccontare le bellezze e le brutture, come al solito d’altronde, ma oggi a parte qualche solita incazzatura coi due, qualche compromesso e tanto vento è stata una giornata abbastanza fiacca.

Tutto questo fino a che la terra non ha tremato e le luci si sono spente.

Forse sará durato tre secondi e forse l’intensità sarà stato come quello di un peto. Non lo so ma non è…

View original post 196 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...